Universiade 2011 a Shenzhen

Location: Shenzhen
Designer: Meinhard von Gerkan, Marg und Partners
Project: Centro sportivo
Project leader: Ralf Sieber
Staff di progettazione: Xu Ji, Alexander Niederhaus, Huang Cheng, Niklas Veelken, Martin Gänsicke, Stephanie Brendel, Marlene Törper, Andrea Moritz, Zheng Xin, Kralyu Chobanov, Chen Zhicong, Thomas Krämer, Lin Wei, Martin Schulte-Frohlinden, Plamen Stamatov, Christian Dorndorf, Lian Kian, Zhou Bin, Tobias Keyl, Li Ling, Helge Lezius, Meng Xin, Kuno von Haefen
Partner in Cina: SADI (Stadium), CNADRI (arena multifunzionale), CCDI (Piscina), BLY (Progettazione paesaggio).
Strutture e copertura: Schlaich Bergermann und Partner – Sven Plieniger with Wei Chen
Cronologia: 2007-2010
Planning area 870.000 mq
Photos: Copyright Christian Gahl
Lo Studio tedesco Von Gerkan, Marg und Partners ha realizzato a Shenzehen, l’Universiade Sports Center, in occasione delle Universiadi 2011, il secondo più grande evento sportivo dopo le Olimpiadi.

Il progetto si rifà alle forme ondulate del paesaggio circostante e dialoga formalmente con la filosofia cinese legata alla “Terra”: le forme cristalline dei tre mega stadi (lo stadio principale multifunzionale per 60.000 spettatori, una grande arena polifunzionale e una piscina) si inseriscono nel paesaggio riflettendosi, soprattutto di notte grazie alla spettacolare illuminazione delle facciate traslucide, nel grande lago artificale di forma circolare.
Le strutture di copertura sono concepite come enormi gusci d’acciaio dalla forma prismatica il cui diametro può raggiungere – per lo stadio principale- ben 310 metri di lunghezza e 290 metri di larghezza.
Sia le strutture di copertura che quelle di facciata presentano tre strati strutturali d’acciaio ciascuna: lo strato più esterno è quello composto dalla facciata traslucida realizzata con forme triangolari, nella parte intermedia troviamo una seconda carpenteria metallica a sostegno di quella più esterna (viste le dimensioni eccezionali delle strutture) mentre internamente è stata inserita una membrana traslucida per rispondere alle esigenze di schermatura della luce naturale e di isolamento acustico.
Per il complesso dedicato agli sport indoor (pattinaggio su ghiaccio, grandi performances, competizioni varie ed esibizioni) è stata realizzata un’arena dalla capacità di ben 18.000 spettatori, mentre il complesso destinato alla piscina, 3.000 spettatori, è composto da un grande volume cristallino perfettamente inserito nel grande parco dell’Universiade.

Marzia Urettini
Acciaio Arte Architettura 50