Facciate scultoree

Location: Berlino
Designer: J. MAYER H. Architects
Project: JOH3
Project Architect: Hans Schneider PROJECT TEAM: Juergen Mayer H., Marcus Blum, Wilko Hoffmann, Filipa Frois Almeida
Competition team: Juergen Mayer H., Thorsten Blatter, Marcus Blum Invited competition 2008, 1st Prize
Data di realizzazione del progetto: 2008-2012
Committente: Euroboden Berlin GmbH
Architettura del paesaggio: Architekturbuero Wiesler, Stuttgart with Thomas Quinten Projektmanagement, Berlin
Calcoli e strutture: EiSat GmbH, Berlin
Fotografi: Ludger Paffrath, Patricia Parinejad, Rick Jannack
È nel centralissimo quartiere Mitte di Berlino che sorge il nuovo progetto che porta la firma di Jürger Mayer: il JOH3.

Il progetto si caratterizza per il disegno di facciata scultoreo: un involucro con ondulazioni regolari che, oltre a caratterizzare l’aspetto della struttura, offre agli appartamenti privacy e schermatura anti-irraggiamento.
Spiega lo stesso Mayer che “Il design scultoreo della facciata sospesa, composta da stecche affiancate, trae origine dal concetto di paesaggio nella città, una qualità che si può riscontrare nel giardino terrazzato del cortile e nella sagoma layout dell’edicio.(…)”
Una nuova concezione di edificio residenziale, realizzata tra il 2008 ed il 2012, che si sviluppa su un’altezza di sette piani, reinterpretando la tipologia classica urbana di una struttura multi-unità nella quale tutti gli appartamenti, esposti a sud-ovest, si affacciano alla lussureggiante e ricca corte interna, facilitando così “un’esperienza residenziale aperta, nel centro della città”.
Pur avendo una vocazione principalmente residenziale, il piano terra dell’JOH3 accoglie una serie di esercizi commerciali, gli appartamenti infatti sono tutti dislocati dal primo piano, nelle più diverse tipologie abitative: da case con giardino privato, ad appartamenti classici, ad attici che possono godere di un accesso esclusivo ai greenroofs che ricoprono l’intera superficie del tetto. Un’esperienza abitativa unica dello spazio che, applicando il concetto di “progettazione integrata”, comprende ogni dettaglio: dalla facciata, alle scale, agli ascensori interni per gli appartamenti, senza tralasciare gli aspetti di efficienza e razionalizzazione delle risorse che hanno eliminato, per esempio, la necessità di condizionamento e ventilazione grazie alla ventilazione naturale e gli sprechi idrici per mezzo di grandi cisterne di raccolta dell’acqua piovana, distribuita poi per lavatrici e per gli scarichi.

Chiara Centineo
Acciaio Arte Architettura 11