Palazzo di Varignana Resort & Spa

Location: Varignana, Castel San Pietro Terme (BO)
Designer: Arch. Elena Zacchiroli (architettonico e coordinamento generale)
Project: Palazzo di Varignana Resort & SPA
Committente: Palazzo di Varignana Srl
Anno di realizzazione: 2008 - 2013
Imprese esecutrici: Busi impianti Spa, CESI, CMCF, Naldi Impianti, Termoproget
Imprese fornitrici : Tematic (arredobagno), Fertrading (rivestimenti acustici), Acqua (piscine), Around light (illuminazione), Pietre D’Arredo (rivestimenti interni), Oddicini pareti (pareti mobili), Gigacer (pavimenti in gress)
Esecuzione serramenti in acciaio: CBS Srl (Cazzago di Pianiga - VE)
Profili per serramenti: Palladio Spa
Dati dimensionali: 12.000 mq (parte coperta)
Foto: Studio Zacchiroli
Nel parco dell’antica Villa Bentivoglio – risalente al 1705, nella località bolognese di Varignana - sorge Palazzo di Varignana Resort Spa: una struttura ricettiva immersa nello stupendo panorama dei colli

Nel parco dell’antica Villa Bentivoglio – risalente al 1705, nella località bolognese di Varignana – sorge Palazzo di Varignana Resort Spa: una struttura ricettiva immersa nello stupendo panorama dei colli, in perfetta armonia con il contesto naturalistico circostante e con una vista previlegiata sul paese, in dialogo armonico con la natura, la vera protagonista di tutto l’intervento ed intorno alla quale è stato pensato l’intero restauro conservativo della struttura.

Con grande cura l’arch. Zacchiroli ha lasciato parzialmente inalterati i volumi preesistenti, integrandoli con quelli nuovi, caratterizzati da aperture importanti in vetro e acciaio, in un dialogo costante con il contesto paesaggistico, salvaguardato nell’impatto anche dalle soluzioni interrate e seminterrate a basso impatto ambientale,  soluzioni che caratterizzano il progetto.

Gli edifici dedicati alla funzione alberghiera sono cinque: tre completamente ristrutturati e due di nuova realizzazione.
La struttura comprende 90 camere distribuite nei cinque straordinari borghi ed il “Pool&lounge and Spa”, spazio preposto ai servizi di accoglienza, ristorazione e benessere.
Fiore all’occhiello della struttura è proprio il centro benessere: un’area di 1800 metri quadrati, comprensivi di una piscina immersa nel verde che, attraverso delle cascate, è collegata a due piscine più piccole incastonate nella collina; ed un’area fitness con palestra panoramica.

A supporto dell’area congressuale della villa nasce lo “Spazio Belvedere”: un edificio polifunzionale nel quale vengono organizzati eventi, cerimonie e serate di gala.

La struttura si sviluppa su un sistema di volumi in parte nascosti dalla vegetazione e che delineano i confini del parco della villa. Un’alternanza di corpi pieni e vuoti in pietra e vetro, uniti in un ritmo di altezze e pendenze differenti.

La distribuzione dei volumi è riuscita a creare dei percorsi pedonali agevoli anche in caso di maltempo, che fondono la villa con l’area congressi e lo Spazio Belvedere con l’area banqueting. La volontà era quella di accogliere l’ospite in uno spazio il più possibile permeabile, sviluppando così la pianta attorno ad una “piazza coperta” da un pergolato di vetro e acciaio

Chiara Centineo
Acciaio Arte Architettura 60